“Altrove” è il nome della barca a vela con cui Michele Piancastelli ha fatto il giro del mondo, dal 2009 al 2016. La sua è stata un’avventura umana lunga sette anni, due mesi e diciassette giorni, fatta di incontri in terre lontane, orizzonti infiniti, cieli azzurri e fondali oscuri, mappe da consultare e luoghi da conoscere. Ma non soltanto. A contrassegnare un’esperienza così straordinaria è stata soprattutto una profonda riflessione sul senso della vita, mossa in lui dalla scoperta, in occasione di esami medici di routine svolti nel 2004, di aver contratto la leucemia e di dover quindi riscrivere, dall’oggi al domani, la sua intera esistenza.

Operaio in una delle più importanti imprese chimiche del nostro paese, Michele ha affrontato un percorso a ostacoli che si è rivelato, paradossalmente, anche un processo di liberazione. Ha vissuto la malattia, la terapia e infine il trapianto di midollo come una lunga attraversata oceanica nonostante sino a quel momento non avesse mai navigato, ma solo desiderato di farlo. Dopo sette mesi di angoscia e paure, Michele è guarito e si è messo finalmente in viaggio.

Sotto coperta, al riparo dai venti, dalle mareggiate e dalle burrasche, alla «cappa» della sua piccola barca antimoderna, si è lasciato alle spalle certezze e conquiste di una vita tradizionale ed è andato in cerca di quell’altrove che per lui è sempre stato l’unico luogo dove sentirsi felice.

Autore

Paola Turroni  è poetessa e si occupa di sociale.

Ha pubblicato “Animale” (Fara Editore, Rimini 2000), “Due mani di colore” (Medusa Editore, Milano 2003) con Sabrina Foschini, “Il vincolo del volo” (Raffelli Editore, Rimini 2003) di cui una selezione è uscita tradotta in inglese per la rivista americana “How2”, “Il mondo è vedovo” (Carta Bianca, Bazzano 2011).

Lavora inoltre sul territorio nazionale in ambito sociale, come esperta di affido e pratiche collaborative nella tutela dei minori, nella famiglia e nella scuola, nei disturbi del comportamento alimentare.

Operatore di advocacy, impegnata in interventi di caso, per l’audizione dei minori in Tribunale per i Minorenni e con bambini e ragazzi accolti in comunità. Inoltre realizza percorsi e laboratori di scrittura, come strumento relazionale e risorsa professionale e in affiancamento a percorsi terapeutici, sia individuali sia di gruppo, presso comunità, scuole e ambiti privati. È Presidente dell’Associazione UnoNessunoCentomila e dell’Associazione Advocacy, tutela e voce dell’infanzia.

Related Posts

Menu