6 libri horror per un vero Halloween da brivido

News

Gli sfegatati che aspettano già dalla fine dell’estate lo sanno: manca ormai poco al 31 ottobre, la notte delle streghe per eccellenza. Sapevi che Halloween risale a 2000 anni fa, quando i celti usavano festeggiare  Samhain ovvero, tradotto letteralmente, la “fine dell’estate”? Nel corso del tempo questa festività ha perso il suo significato più rituale che prevedeva grandi celebrazioni e riti mistici, lasciando però spazio ad un più moderno periodo ricco di festeggiamenti in maschera all’insegna del tenebroso e del magico, ma soprattutto intriso di mistero e paura. 

Una ghiotta occasione per gli amanti del brivido insomma, che dai giorni precedenti all’evento possono bearsi dell’atmosfera perfetta per guardare film horror, organizzare party in maschera e fare a gara per gli scherzi più spaventosi. 

Quale periodo migliore, allora, per iniziare un romanzo dell’orrore e mettere alla prova il tuo coraggio? Ecco sei libri che ti faranno passare un vero Halloween da brivido! 

Cthulhu. I racconti del mito, H.P. Lovecraft

“«Ph’nglui mglw’nafh Cthulhu R’lyeh wgah’nagl fhtagn»*

*Nella sua dimora di R’lyeh, il morto Cthulhu attende sognando. ”

Dal 1917 al 1935 in una raccolta di oltre 600 pagine, in questo libro sono contenuti tutti i racconti di H.P. Lovecraftriguardanti il mondo di Cthulhu che, tra genio e follia, sapranno affascinarti e farti rabbrividire al tempo stesso. 

Curato da G. Lippi e sapientemente illustrato da G. Grendel, il libro fa parte di una serie di volumi a cura di Mondadori che, nello stesso stile, radunano ognuno le storie di altri famosi autori come Edgar Allan Poe, Clark Ashton Smith o H. G. Wells. 

Nel volume dedicato al padre della fantascienza sono radunate tutte le 19 pubblicazioni che vanno a costruire il mondo del misterioso Cthulhu, signore della follia e imperatore del pantheon di altre divinità che popolano le sue storie e provengono dagli abissi più reconditi dello spazio e della mente umana.  

Tra le pagine di questo volume tutto nero e oscuro quanto le vicende che racconta, potrai vivere in prima persona le storie degli esseri umani entrati in contatto con i signori della follia, lasciarti trasportare fino alle profondità marine dove giace la perduta Atlantide o assistere al risveglio dello stesso Cthulhu. Riuscirai a resistere al suo richiamo? 

La nube purpurea, M.P. Shiel 

Cronologicamente non troppo lontano dai lavori di Lovecraft, La nube purpurea viene partorito dalla geniale mente di Shiel nel 1901, ma in Italia viene riscoperto solo molti anni dopo proprio grazie ad Adelphi, che lo pubblica nuovamente nel 1961. 

Immagina di essere il medico assegnato all’equipaggio della nave Boreal, partito per il polo nord in una missione senza scampo che si rivelerà un viaggio al limite della follia, intriso di ignoto e silenziosamente accompagnato dalla presenza costante della morte. Immagina, soprattutto, di tornare da questo viaggio alla civiltà come superstite e di scoprire che il mondo che conoscevi non esiste più, perché adesso è intriso da una nube purpurea che vi ha portato altra morte e distruzione, lasciandoti come testimone di qualcosa di inspiegabile e immenso. 

La nube purpurea è il viaggio delirante di un uomo in bilico tra il post-apocalisse e ciò che viene dopo, alle prese con la propria umanità e con gli orrori di un viaggio alla scoperta di ciò che è rimasto e di ciò che se n’è andato per sempre.  

24 a mezzanotte, Giuseppe Maresca e Luca Raimondi

Non il solito romanzo d’oltreoceano ma un prodotto “fatto in casa”, edito da Officina Milena e curato da G. Maresca, L. Raimondi con le illustrazioni di F. Lastrucci.

24 a mezzanotte è un ambizioso lavoro che raccoglie 24 racconti dell’orrore ambientati in diverse province della nostra penisola, intrecciando tra queste righe leggende del folklore e racconti metropolitani, arricchendoli di una sana dose di horror e morte. 

Il risultato di questo mix letale è un susseguirsi di ambientazioni inquietanti come un bed and breakfast abbandonato, rituali magici, vampiri e zombie che ti faranno restare con il fiato sospeso fino alla fine. 

 L’Horla, Guy de Maupassant

Scritto da Maupassant nel 1886 e pubblicato da Rizzoli, l’Horla è un’opera innovativa per il periodo storico in cui è stata scritta, avendo l’autore deciso di riunire in un unico racconto (due, se si considera che il libro ne comprende una prima versione e una seconda, rivista) un viaggio alla scoperta della mente umana e delle sue deviazioni, spingendosi fino ad arrivare all’elemento fantastico. 

Il libro segue la vicenda scritta in prima persona di un uomo di alta borghesia che dopo un viaggio in barca, inizia a percepire dietro di sé la presenza costante di un’entità chiamata appunto Horla. Questa entità non è percepibile da nessuno tranne che dall’uomo stesso il quale con il procedere del racconto si ritroverà sempre più attanagliato da incubi e manie di persecuzione, in un percorso che lo porterà irrimediabilmente alla follia più estrema. 

L’istituto, Stephen King 

Edito da Sperling & Kupfer, l’istituto ci porta ai grandi classici dell’horror con nientemeno che Stephen King.

Come lettore vestirai i panni del piccolo Luke, un bambino di Minneapolis di appena 7 anni che una notte viene rapito e portato in un misterioso istituto per bambini dalle facoltà speciali. 

Qua le stanze, piccole e pensate per mimare in modo distorto una cameretta da letto, sono senza finestre e chiuse da una porta che possono aprire solo gli adulti, gli stessi che sottoporranno Luke a diversi esperimenti prima di portarlo alla Seconda Casa. 

Proprio qui il nostro piccolo eroe scoprirà un luogo ben peggiore dell’istituto, diretto dalla terrificante signora Sigsby il cui scopo è quello di estrarre i poteri telecinetici e telepatici dai bambini a qualunque costo. Se è vero che durante il suo viaggio Luke incontrerà altri bambini dotati di poteri speciali, allo stesso tempo dovrà anche fare i conti con misteriose sparizioni ed esperimenti atroci, il tutto mentre penserà ad una via di fuga che nessuno è mai riuscito a trovare.

Osama Game. Il gioco del re, Nobuaki Kanazawa

“Se inizi a giocarci, dovrai farlo fino alla fine. 

Se non esegui gli ordini ricevuti, subirai la punizione. Se provi a fuggire, te ne pentirai. Nessuno potrà sottrarsi a Osama Game, il Gioco del Re.”

Proveniente dal paese del sol levante ed edito in Italia da Planet Manga, Osama Game è una lettura per ragazzi tanto curiosa quanto raccapricciante.

Curiosa, perché la narrazione è tutta impostata al tempo presente, una scelta insolita per un libro che tuttavia contribuisce a renderlo incalzante, veloce e inesorabile così come lo stesso Gioco del Re

Raccapricciante, perché scoprirai cosa vuol dire non eseguire gli ordini ricevuti, capire quanto è inutile provare a scappare e realizzare infine quanto un solo messaggio di testo possa fare la differenza tra la vita e una morte atroce e inspiegabile. 

In questo libro (il primo di due) seguirai la vita scolastica di Nobuaki, studente delle scuole superiori in una classe di 32 alunni la cui vita, insieme a quella dei suoi compagni, viene improvvisamente sconvolta da una mail ricevuta sul telefono di tutti i ragazzi. Nel messaggio sono contenute le regole del gioco e un ordine per due membri della classe, da compiere obbligatoriamente entro 24 ore dalla data di ricezione, pena una morte atroce operata da forze invisibili. 

Riuscirà Nobuaki ad arrivare fino alla fine del gioco e a scoprire chi è il mittente delle “mail maledette”? Una cosa è certa: questo romanzo ti terrà col fiato sospeso fino alla fine! 

Benedetta Piras

Related Posts

Menu